Regione Lombardia, al fine di sostenere le famiglie in cui la donna è in stato di gravidanza, che si trovano sia in condizione di vulnerabilità, intesa come povertà relativa, sia in particolari condizioni di fragilità, riconosce un contributo economico a valere sul periodo della gestazione e di prima cura del neonato/figlio adottato. La misura Bonus Famiglia 2017 è così articolata:
– in caso di gravidanza, il contributo è pari a € 1.800,00 ed è erogato in due rate;
– in caso di adozione il contributo è pari a € 1.800,00 ed è liquidato in un’unica rata.

In caso di gravidanze/adozioni gemellari, il genitore riceve il contributo moltiplicato per il numero di figli.

In caso di gravidanza, per accedere alla misura è necessario soddisfare tutti i seguenti requisiti:

  • essere residente in Lombardia per un periodo continuativo di almeno 5 anni; tale requisito deve essere soddisfatto da entrambi i genitori;
  • avere ISEE ordinario o ISEE corrente, in corso di validità, rilasciato ai sensi del DPCM n. 159/2013 non superiore a € 20.000,00 (*);
  • trovarsi in una condizione di vulnerabilità, che potrà essere valutata dall’Assistente Sociale del Comune di residenza * o dai CAV (Centri Aiuto alla Vita);
  • essere in stato di gravidanza in base a documento rilasciato da figura sanitaria competente in materia di ostetricia e ginecologia, che opera in strutture pubbliche o in strutture private con l’indicazione della data presunta del parto. Sono validi anche i referti degli esami relativi alla gravidanza.

In caso di gestazione la domanda per il contributo può essere presentata a partire dalla tredicesima settimana di gestazione. Al richiedente che presenta domanda dopo la nascita del neonato non è riconosciuto alcun contributo.

In caso di adozione per accedere alla misura è necessario soddisfare tutti i seguenti requisiti:

  • essere residente in Lombardia per un periodo continuativo di almeno 5 anni; tale requisito deve essere soddisfatto da entrambi i genitori;
  • avere ISEE ordinario o ISEE corrente, in corso di validità, rilasciato ai sensi del DPCM n. 159/2013 non superiore a € 20.000,00 (*);
  • avere sentenza di adozione del minore o in alternativa il decreto di collocamento del minore in famiglia con data non antecedente al 1 maggio 2017.

MODALITA’ DI INVIO DELLA DOMANDA
La domanda deve essere inoltrata direttamente dal cittadino, accedendo da qualsiasi computer e compilando il format presente in questo link:  www.siage.regione.lombardia.it.
Per un aiuto nella compilazione del format e altre informazioni relative alla procedura on line si può contattare il numero verde 800 131  151 attivo dal lunedi al sabato escluso festivi dalle ore 8 alle ore 20.

* Per ottenere il certificato di vulnerabilità, necessario per l’inoltro della domanda, contattare l’ufficio Servizi Sociali al numero 030 2550820.

Non è più possibile inserire commenti per questo articolo.